Il Monitoraggio del Lago d’Iseo

Il Monitoraggio del Lago d’Iseo

Ponendosi quale finalità la comprensione di alcuni aspetti caratterizzanti l’idrodinamica del lago di Iseo, a partire dal 2008 abbiamo iniziato una campagna di monitoraggio e di strumentazione del Lago di Iseo. Nel 2014, in particolare, si è conclusa la realizzazione di una rete di 4 stazioni fisse che in tempo reale consentono la visualizzazione in tempo reale dei dati caratterizzanti le condizioni meteorologiche e termiche presenti sul lago.

collage

RETE DI STAZIONI FISSE

La rete di monitoraggio gestita dal Gruppo di Idraulica dell’Università degli studi di Brescia consiste in 4 diverse stazioni, due localizzate a terra sulla sponda di Iseo e Castro e due stazioni galleggianti localizzate nella parte nord del lago, in prossimità della Corna Trentapassi, e di fronte alla località Peschiera (cfr. figura sottostante). Tutte queste stazioni sono equipaggiate di data-logger e di un sistema di trasmissione dati via GSM/GPRS, con relativo kit di alimentazione che consentono l’invio dei dati ogni mezz’ora ad un database appositamente predisposto. Complessivamente queste stazioni consentono ad oggi di monitorare in tempo reale:

mappa_misure

Cliccando sul seguente link è possibile avere accesso ai dati in tempo reale . Per un corretto utilizzo del sistema si consulti il manuale di istruzioni. La mappa che segue mostra la localizzazione delle diverse stazioni sovrapposte alla batimetria del lago.

mappa_stazioni

Questa rete di stazioni si integra con altre volte a caratterizzare la portata in ingresso dagli affluenti (link). Nel seguito, si descrive la strumentazione presente in ogni stazione e la tipologia di dati misurati.

 

Le stazioni, installate e costantemente controllate e calibrate, hanno consentito per la prima volta la comprensione di importanti meccanismi di scambio energetico e di mescolamento che determinano i movimenti delle acque del lago e che ne condizionano il ricambio. L’insieme di queste misure consentono di osservare e far luce su diversi fenomeni che hanno luogo all’interno lago, alcuni dei quali di particolare interesse.

Questa rete di monitoraggio è stata realizzata nell’ambito del progetto “Completamento della rete di monitoraggio meteorologico, termico e di livello del lago di Iseo” finanziato dalla Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi su mandato CSMT.

WEBCAM

Nell’ambito delle attività del progetto ISEO finanziato dalla Fondazione Cariplo, è stata installata sulla punta della Corna Trentapassi una webcam in grado di fornire in tempo reale ogni 30 minuti un’immagine ad alta risoluzione della parte nord del lago. Queste immagini, consultabili sulla pagina dedicata del nostro sito web, contribuiscono in particolare all’attività di monitoraggio dell’ingresso del fiume Oglio nel lago d’Iseo.

CAMPAGNE DI MISURA SPERIMENTALI

Accanto alla misura da stazioni fisse, nel Luglio 2012 è stata condotta una campagna sperimentale finalizzata alla mappatura dell’ossigeno disciolto nel lago. A questo scopo è stata utilizzata una sonda multiparametrica, in grado di misurare la temperatura, il contenuto di ossigeno disciolto, la conducibilità, la torbidità e il contenuto di clorofilla A. In 4 giorni sono state condotte misure in oltre 170 punti del lago tra la superficie e il fondo, allo scopo principale di verificare la distribuzione verticale dell’ossigeno disciolto nonché la sua uniformità areale. Queste misure sono state sintetizzate e rappresentate nelle seguenti mappe.